Perché il taglio laser è così popolare

27 Mar

Il taglio laser comporta l’uso di un raggio laser per tagliare materiali come legno, plastica, metallo, gomma, ecc. Questa tecnologia è diventata una parte importante di un processo produttivo. Con pro e contro.

Il taglio dei materiali come i metalli è fondamentale nell’industria manifatturiera. Pensiamo semplicemente a tutti gli oggetti di impiego quotidiano che hanno un’anima in metallo, o pensiamo a mezzi di trasporto come gli aerei e le automobili, che praticamente senza taglio laser oggi sarebbero molto meno sicure. Questa necessità quindi impone di avere processi di trasformazione credibili, durevoli nel tempo, migliorabili, efficienti e con un controllo di costi. Pe questo motivo sono apparse anche nel mercato italiano delle macchine taglio laser (come quelle di incisioni-laser.com) che migliorano sensibilmente il lavoro di tante realtà economiche sparse nel territorio.

Le macchine in questione sono un vero e proprio gioiello tecnologico che ha trasformato letteralmente diversi settori industriali. La tecnologia si nota anche dall’impiego del controllo numerico computerizzato, che in pratica gestisce tutto il processo di progettazione e tagliando, arrivando a una precisione priva di limiti.

I pro delle macchine a taglio laser risultano evidenti a chi ha abbandonato il taglio tradizionale a fusione.

  • il lavoro è molto più stabile, la superficie lavorata non si muove quando avviene il taglio consentendo maggiore precisione. E sicurezza.
  • Il taglio ottenuto con il laser è preciso, netto, senza alcun contatto tra le superfici di taglio e quelle da tagliare. Non c’è alcuna contaminazione, né imperfezioni che fanno perdere di lavoro e di resistenza il materiale.
  • Nei tradizionali processi che usano seghe diamantate e temperature alte di fusione, il materiale può essere curvato o danneggiato dal taglio, a livello molecolare, comportando una minore qualità che può essere decisiva in settori strategici ad alta precisione e sottoposti all’usura (pensiamo alla fusoliera di un aereo o alla carrozzeria della macchina).
  • Le macchine a laser in realtà sfruttano meno energia, meno calore, per ottenere un risultato decisamente più apprezzabile anche a livello microscopico.
  • Sono versatili: il metallo è certamente il materiale di elezione primario dell’intero processo produttivo, ma possono essere impiegate per tagliare o incidere gomma, pietra, plexiglas, vetro, vinile, plastica, legno…
  • Il taglio è così preciso che grazie alle incisioni è possibile apporre marchi in grandezze misurabili in micron. Pensiamo alla tecnologia dei semiconduttori o alla medicina, che richiedono delle lavorazioni piccole, ma precise e resistenti.
  • Una macchina taglio laser moderna fa il lavoro di due o più macchine tradizionali, quindi, nonostante abbia delle grandezze ragguardevoli, può di fatto far risparmiare spazio in azienda. Gli operatori inoltre, una volta sistemata la materia prima nell’intero ciclo produttivo, in genere una lamiera, poi vanno al computer per azionare il taglio. L’unico coinvolgimento umano è a livello di riparazione e test di funzionamento, spesso aiutati dal personale dell’azienda fornitrice. Per cui si abbassa di tanto il pericolo di incidenti sul lavoro, che prima invece erano maggiori usando i metodi tradizionali.
  • Infine lavorano in efficienza per l’intero ciclo di produzione. Sono pensate appositamente per un impiego durevole, continuo per produzioni in serie di piccolo e grande taglio. Sono capaci di creare copie praticamente non distinguibili, un risultato che è difficile da ottenere con altri sistemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *