Calo di memoria in menopausa

6 Apr

In menopausa, a causa del calo ormonale, e con l’avanzare dell’età, è normale che una certa perdita di memoria possa verificarsi.

Tuttavia, soffrire di perdite di memoria è normale e accade a tutti noi. Magari non si ricorda dove sono le chiavi della macchina o si dimenticano i nomi di persone incontrate o si esce dal negozio e non si ha idea di dove si abbia parcheggiato l’auto.

Non preoccupatevi. Nessuno ha una memoria perfetta, anche se si è ancora giovani.

Come si impara sfruttando la memoria

Le cose che si imparano di recente – come un nome ad una festa – sono le più difficili da ricordare, perché non hanno ancora messo radici nella mente.

Inoltre, il cervello deve fare spazio per nuovi ricordi. E per farlo, deve sbarazzarsi dei dettagli meno importanti.

Capita dunque spesso di dimenticare dove si è messo qualcosa o un appuntamento in programma. Il più delle volte ciò accade perché in quel momento non si presta molta attenzione. Forse si è concentrati su qualcos’altro. Altre volte si tende a dimenticare le cose quando si è stanchi, malati o stressati.

La ragione della perdita di memoria tra le donne che sono in menopausa sarebbe il declino dei livelli di estrogeni. Molte donne che hanno attraversato questa fase, notano alcune lacune nella memoria, si sentono più smemorate. Altre hanno difficoltà di concentrazione e nel ricordare gli eventi.

Estrogeni e memoria: approfondisci qui: http://www.flaviamenopausa.it/Menopausa/Salute-mentale/Memoria-e-menopausa

Memoria e invecchiamento

La memoria sembra peggiorare nel corso degli anni. A poco a poco si iniziano a perdere le cellule cerebrali e alcune sostanze chimiche di cui queste cellule hanno bisogno. È ovvio che la memoria sia più nitida a 25 rispetto a 55 o 75 anni.

Importanti cambiamenti di memoria a volte possono essere segnali della malattia di Alzheimer. Altre volte possono essere causati da ictus, ferite alla testa, mancanza di vitamine nella dieta o disturbi del sonno. Potrebbero anche essere un effetto collaterale di uno dei farmaci che si stanno assumendo. In caso di dubbio, consultare sempre il medico.

Stile di vita e memoria

Lo stile di vita influenza la memoria ed in particolare la dieta alimentare. Se il colesterolo, la pressione sanguigna e lo zucchero nel sangue sono troppo elevati, i vasi sanguigni dentro e intorno al cervello possono risultare intasati o danneggiati. Uno studio di Harvard ha mostrato che le persone che mangiano più grassi saturi (presenti nella carne e nei latticini) hanno performance peggiori nei test di memoria rispetto a quelli che mangiano meno.

La dieta mediterranea è l’opzione migliore. Questo tipo di alimentazione – che include pesce ricco di omega-3, olio di oliva sano per il cuore e frutta e verdura fresche – è stato associato alla protezione del pensiero e della memoria.

Anche l’esercizio fisico regolare promuove il flusso di sangue al cervello. Bastano 30 minuti al giorno.

Infine si ha bisogno di dormire regolarmente, il che aiuta il cervello a memorizzare i ricordi in modo da poterli accedere in seguito.

Occorre smettere di fumare e di bere alcol, la nicotina danneggia i vasi sanguigni e l’alcol influisce negativamente sulla memoria.

In questo articolo vi proponiamo alcuni consigli di lifestyle da applicare anche in menopausa su come comportarsi in merito alle lievi perdite di memoria.

Organizzati.

Metti sempre tutti gli oggetti che tendi a dimenticare in uno stesso punto. Magari installa un gancio per appendere le chiavi e una stazione di ricarica per telefoni cellulari in modo che abbiano posti dedicati.

Scrivi.

Tieni traccia del tuo programma, dei numeri di telefono e dei compleanni, basta scriverli su carta. Anche se non riguardi i tuoi appunti, il solo atto di scriverli può aiutarti a ricordare le cose.

Consulta il calendario.

Appendi un calendario al muro e scrivici riunioni, appuntamenti, gite in famiglia e tutto il resto. Guarda sempre il programma del giorno dopo prima di andare a letto per aiutarti a tenere a mente gli eventi.

Esercitati sui giochi di parole.

Crea una password online che non dimenticherai mai usando un acronimo di una frase facile da ricordare.

Ripeti, ripeti, ripeti.

Dal nome di qualcuno che hai appena incontrato ad un indirizzo che devi raggiungere, ripetere qualcosa può aiutarti a ricordarla.

Allena il cervello.

Tieni sempre allenato il tuo cervello con nuove sfide: impara una nuova lingua, leggi e discuti dei libri letti con i tuoi amici o fai un cruciverba.

Diventa sociale.

Le persone che fanno volontariato, o semplicemente stanno spesso insieme ad amici e familiari, hanno più probabilità di avere una memoria più salda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *