Cambiare macchina, cosa scegliere?

23 Ago

Cambiare auto pone dei problemi da risolvere relativi al costo del listino e al mantenimento. Quando si fanno due calcoli si capisce che comprare una macchina nuova si accompagna spesso a più grattacapi che altro. Quasi tutti i modelli accessibili alla fascia standard di prezzo (il costo medio dell’auto comprata dagli italiani è di 18000 euro) richiedono una manutenzione che va dai consumi, elevati col crescere della cilindrata, alla gestione degli pneumatici, del livello dell’olio, per non parlare dei costi straordinari. La macchina nuova indubbiamente assicura due vantaggi: il rischio di guasti nei primi anni di vita è pressoché basso, a meno che non si scelga un modello che notoriamente ha dei difetti. In secondo luogo si possiede un valore che può essere permutato al momento del cambio. È stato ampiamente dimostrato, infatti, che cambiare auto ogni tot anni, consente in realtà un risparmio rispetto al fatto di cambiare auto raramente e non nel ciclo di vita tipico di una buona macchina. In sostanza, cambiare auto finché c’è valore consente di recuperare la somma per investirla nell’acquisto di un nuovo mezzo, senza per questo entrare nel periodo in cui aumentano i costi di gestione per le revisioni e le sostituzioni. Leggi